Crea sito
 
At dusk
The Millstone
Dai pozzi
Anche senza bere
02:16
Quest'inverno
Ten black rivers
Nine times out of ten
Un approdo
Granvanoeli
 

At Dusk

At dusk thing fall apart
collapsing, steaming hearts
At dusk thing fall apart
they're coming as they are


"siete qui o sono rami che
con il vento si scontrano
siete qui oppure flutti,densi
file che mi scontrano
un altro giorno in cui si cercano a stento le forze per coprire distanze
molteplici sovrapposizioni
estremi praticamente invisibili
c'è almeno più di una fessura,
diverse pieghe tra ogni strato
e vedrai come una
larga imboccatura ascendere
e poco dopo l'inizio"

The Millstone

Eyes and streets widen out
the stone skims over the ground
some old cars crashing head on
no flames

you found the black old tree
and left your deep marks behind

the glowing fire and I can wait for a higher tide

someone chopped the old black tree down
fireworks bursting over the town
a knot of people moving slowly
Watching the ground
and left your deep marks behind (those mountains)
Hard luck!
The harvest is not what I was waiting for, for so long
and keep on following those stars
We lose the way and fall apart
you left your deep Marks behind (those mountains)
and I can wait the tide grows

the eleventh hour was the moment
when we gathered ending that
wild-goose chase
the tide is coming over
from time to time i miss you against the millstone
against the core I am entire helpless you know

Dai pozzi

dai pozzi blu
petrolio per marciare lentamente
per distruggerti
perdevo blu dai colli lunghe
ombre e qui
non vederci più

the bridge is on fire

non guardare che ci fa male
si spaccano i monti da qui
voragini inferte da qui
divelte le porte di un luogo
che non ha più risorse da incendiare
scendi e sommergi queste macerie
che non si vedan più
se sprofondassi in bianche distese
forse confesserei

tra queste rive scorreva un fiume
che non finiva mai
portava via cupi presagi
ritorna qui tra noi

Anche senza bere

mi sembra il fondo di strade perdute, discese

cadendo ho rotto le sacche ma fonte deriva
da quella rovina

e non ci avrei contato e non sarei tornato ancora

la casa è spenta è venata da un suono continuo

mi sembra il fondo di strade perdute
che poi convergono
si spaccherà tra poco tempo

coraggio tieni che vedemmo luce per inganno
le giornata calavano su buie strade

ti penso mentre affondo e so
che anche senza bere vacillo
sull'orlo
sul ciglio

02:16

"è apparsa ancora una volta
di sera
i rovi la circondano come sempre
invita e pulsa le foglie
c'è qualcuno dentro, questa volta
mi sembra di aver visto qualcuno.
finiamo di bere ed entriamo.
Le cose si mettono male,
ma non qui, altrove
guardiamo l'ora,
i bagliori riflessi sulle rotaie.
quindi usciamo, ci salutiamo velocemente
costretti a ritornare nostro malgrado,
con l'aumentare del passo il dubbio cresce,
divampa ed al nostro ritorno
la notizia è ormai scontata
la casa è rovesciata e nostro padre non è più lui"


le strade erano interrotte,le stanze fredde
non proferimmo parola, e restammo in coperta
a quel punto eravamo determinati,
sicuri di portare a compimento il nostro patto
non si trattava di immergersi completamente ma solo di
trovare qualcosa sulla nuda superficie

non avresti voluto trattenere il fiato fino a riva
ma salire fino alla cima del monte
e vederci ancorati nel porto
ci addormentammo cullati dal ritmo cardiaco dei motori
la mattina seguenti gli occhi si aprirono
poco prima che l''incubo finisse
la pietra, la torre; la chiglia della nave
sarebbero crollati entro le prossime 24 ore

takin'away smoking hearts
beats, trampin on stairs
blackout!

in the duel they laughed like kids,
they both died.
now everyone laughs cause it's just the start
they know the plan is more complicated than it seems
believe me now you know
we're not moving our face our veins
in the middle of the targets
we're close.
sorry for any convenience
here's our head help yourselves
nobody noticed. how is it possible?
he drives a tank
your fate your favourite colour
stay vacuum packed a slow comnsumption
under the glass lid
don't breathe..

Quest'inverno

quest'inverno credo che
non potrei più reggere
il peso di ragioni che
congelano le strade
sparire; accendere un lume,
verso la fine le dighe
si aprirono insieme

bevo dalla neve
e dalle bufere
ritorniamo tra chi
non sa nulla e non deve

prima della notte
rosse ferite
si distendono e qui
non c'è pace
ma solo un confine che fu
distesa per me
over and over again

Ten black rivers

We fell asleep listening to the ten black rivers flowing towards downtown
From time to time, from the areals,
confused voices crow about there victory.
On the Hill someone was lighting a bonfire.

meanwhile the oil rig
has melted
lure yourselves away
the mansion sinks and rots

my thick liquid runs from
your nostrils
it's black

Nine times out of ten

Come on every day's doomsday
the donkey's known that for donkey's years
double check your pocket
the key's vanished
a horde of shadows took it back
but probably we'll bring it back again

nine times out of ten they're impostors
draining lakes
to get a drop for a new life, brand new veins
and you won't see that
the mincer is getting larger and then
raccons are moving away
remember we'll always stay and cry

it's draining to begin again every day
we must forget the boundless wood
the deepest crevasse
every day is doomsday
the donkey's known that for donkey's years
his silhouette running on the hill, waiting
I'm ready to lose everything

Un approdo

una lunga attesa vuole la risposta che
ho nascosto tra le coltri
è di fronte a te
amai solo quel che era già stato
quello che fu
per anni navigai verso un approdo
che non c'è più
e non l'avrei mai detto e non sarei tornato
tra miniere abbandonate
sentirai perchè
amai solo me
quello che era stato
quello che fu
per anni navigai
verso un approdo
che non c'è più

Granvanoeli

it doesn't matter anymore
she close
her eyes and tears
put off the flames
surround the stone
raccons will quench
their thirst again

Al crepuscolo

Al crepuscolo le cose cadono a pezzi
collassando, vaporizzando i cuori
Al crepuscolo le cose cadono a pezzi
vengono come sono















La macina

Occhi e strade spalancati
la pietra rimbalza sul terreno
alcune vecchie macchine si scontrano
nessuna fiamma

tu trovasti il vecchio albero nero
e ti lasciasti dietro il tuo profondo segno

il fuoco incandescente e posso aspettare per un marea più alta
qualcuno tagliò il vecchio albero nero
fuochi d'artificio esplodono sopra la città
la folla si muove lentamente
Guardando il terreno
e lasciasti il tuo profondo segno dietro
Che sfortuna!
la raccolta non è quello che stavo aspettando, per così tanto tempo e continuo a seguire quelle stelle
Perdiamo la via e cadiamo a pezzi
tu ti lasciasti dietro il tuo profondo segno (quelle montagne)
e posso aspettare che la marea cresca

l'undicesima ora fu il momento
quando raccogliemmo i rimasugli
dell'impresa fallita
la marea sta salendo
ti tanto in tanto mi manchi contro la macina
contro il cuore sono interamente senza aiuto tu sai

Dai pozzi
























Anche senza bere





















02:16



































portando via cuori fumanti
batte, calpestando le scalle
blackout!

nel duello risero come bambini,
morirono entrambi.
adesso tutti ridono perchè è solo l'inizio
sanno che il piano è più complicato di quanto sembri
credimi ora tu sai
non stiamo muovendo la nostra faccia le nostre vene
nel centro dell'obiettivo
siamo vicini.
mi spiace per ogni convenienza
qui c'è la nostra testa che aiuta noi stessi
nessuno l'ha notato. com'è possibile?
lui guida un carroarmato
il tuo destino il tuo colore preferito
stanno sottovuoto a lenta consumazione
sotto il coperchio di vetro
non respirare

Quest'inverno





















Quest'inverno

Ci addormentammo ascoltando i dieci fiumi neri scorrere
verso il centro della città
di tanto in tanto, dagli altoparlanti
confuse voci si vantano della loro vittoria.
Sulla collina qualcuno stava accedendo un falò.

Nello stesso tempo l'impianto di travellazione
ha sciolto
tentatevi lontano
le vasche delle mansioni e il marciume

il mio denso liquido fuorisce dalle
vostre narici
è nero

Nove volte su dieci

Suvvia ogni giorno è il giorno del giudizio
la conoscenza dell'asino per gli anni dell'asino
controlla due volte le tasche
la chiava è svanita
un orda di ombre l'ha presa indietro
ma noi probabilmento la riprenderemo nuovamente

nove volte su dieci essi sono impostori
prosciugando laghi
per prendere una goccia per una nuova vita, vene nuove di zecca e tu non lo vedrai
il tritarcarne sta diventando più grosso e quindi
i procioni stanno scappando
ricorda noi rimarremo sempre e piangeremo

sta aspirando per iniziare di nuovo ogni giorno
dobbiamo dimenticare il bosco senza limite
il profondissimo crepaccio
ogni giorno è il giorno del giudizio
la conoscenza dell'asino per gli anni dell'asino
il suo profilo sta correndo sulla collina, aspettando
sono pronto a perdere ogni cosa

Un approdo

















Granvanoeli

Non ha più importanza
lei ha chiuso
gli occhi e lacrime
hanno spento le fiamme
circonda la pietra
i procioni disseteranno
la loro sete nuovamente